Music Italy
2.21K members
1 photo
892 links
In questo canale ogni giorno pubblicheremo il link a una canzone e un breve commento.
Gruppo https://bit.ly/2qoyOPI
Spotify https://goo.gl/Zy9QSG
Per contattarci @davidesoresina
Network:
@Qual_ITA 🇮🇹
@SparklingNetwork 💫
@CommunityNetwork
@bhsnet
Download Telegram
to view and join the conversation
Ascoltiamo oggi una band che ormai è un po’ che non fa uscire del nuovo materiale nonostante siano ancora in attività. Sto parlando dei The Black Keys, il brano è Fever uscito nel 2014 nel loro ultimo disco Turn Blue, in fase di produzione con il duo ha collaborato anche Danger Mouse. In questo brano non si parla di febbre solo in senso letterale ma anche di quella che viviamo per qualcuno. La febbre infatti è vista come sinonimo di ossessione per un’altra persona che può essere così forte da dare allucinazioni, buone o cattive che siano, a chi la prova.
https://youtu.be/iZZUY32iCzU
Sono ormai passati un po’ di anni da quando questa band ha fatto uscire uno degli album più belli di sempre della scena alternative, successo che tra l’altro non è riuscita a bissare. Loro sono i Foster The People, il brano è Helena Beat uscito nel 2011 in un album che consiglio tantissimo che è Torches. Il testo è stato scritto dal cantante della band, Mark Foster, e parla della facilità e della nonchalance con cui le droghe pesanti vengono usate nel mondo dello spettacolo, senza preoccuparsi delle conseguenze. Piccola chicca sul brano, è stato composto totalmente, sempre da Foster, usando il suo Mac e LogicPro per tutto.
https://youtu.be/ABzh6hTYpb8
Ascoltiamo oggi una band che ha iniziato la sua carriera col botto riuscendo a produrre un paio di album che sono entrati nella storia della musica. Loro sono i Weezer, il brano è In The Garage uscito nel 1994 nell’album Weezer (The Blue Album). Il brano è stato scritto dal frontman, Rivers Cuomo, subito dopo aver firmato il loro primo contratto discografico. Il testo parla di una persona, solitaria, che si sente al sicuro nel proprio garage. Ascoltando la descrizione di quello che si trova intorno capiamo che si tratta di un grande appassionato di Dungeons and Dragons e di musica, un po’ come Cuomo stesso.
https://youtu.be/V0rV88Ev-og
Parliamo oggi di una delle canzoni pop più conosciute di sempre, un fenomeno nato con la disco e che continua fino ad adesso. Si tratta di Dancing Queen degli Abba, uscita nel 1976 nell’album Arrival, si tratta del singolo che ha venduto di più della band svedese. La canzone ha inoltre il primato di essere stata la prima canzone europop a salire in cima alle classifiche americane. Molto carina è anche la storia di questa canzone, è stata composta da Benny Andersson che quando ha fatto ascoltare la melodia ai membri della band ha suscitato molte emozioni, tanto che Anni-Frid Lyngstad si è messa a piangere.
https://youtu.be/xFrGuyw1V8s
Buona Domenica a tutti! Andiamo ad ascoltare oggi un brano elettronico tra i miei preferiti, di un producer che ha ottenuto molto consenso dalla critica ma poco successo. Si tratta di Love$ick di Mura Masa, il producer, in featuring con A$AP Rocky, uscito nel 2017 nell’album Mura Masa. Il brano è nato prima come traccia strumentale ed era uscito già in un EP precedente di Mura Masa. Il testo parla di come ci si senta vuoti dopo una notte di sesso fine a se stessa. Dal punto di vista musicale è veramente ben fatta la sezione ritmica che aggiunge un tocco tropicale al brano.
https://youtu.be/ZJM4AQSbZDk
Arriva il caldo, anche se sono un mese in ritardo con questa frase, e con questo anche i tormentoni estivi, oggi vi parlo di uno di quelli che più mi piacciono di questa stagione. Arriva da un featuring d’eccezione tra Lo Stato Sociale, Arisa e Myss Keta, si chiama Dj di M**** ed è uscito nel 2019 come singolo. La band bolognese è riuscita a combinare una delle voci più dotate in Italia con l’ironia e l’arroganza di Myss Keta, e il risultato è veramente interessante, per essere una hit estiva. Il testo è abbastanza semplice, parla di due ragazzi che si trovano in discoteca e nel tentativo di far durare l’istante per sempre sperano che il DJ non la smetta mai di mettere canzoni.
https://youtu.be/MzBRpaGHP0E
Cambiamo decisamente il mood rispetto a ieri con un pezzo decisamente più lento e intimo. Si tratta di Brioschi di Franco126 uscito nel 2019 nell’album Stanza Singola. Chi di voi ascolta musica pop potrebbe trovare una forte somiglianza con Real Friends di Camilla Cabello e in effetti la base è molto simile, ma non abbastanza da gridare al plagio, secondo la mia opinione. La canzone racconta di una storia d’amore finita e tutto il testo si basa sul gioco di parole tra il fatto che la fine sia dura da digerire e che quindi nemmeno il brioschi aiuti.
https://youtu.be/XH-lwBknoiA
Sicuramente tutti conoscerete il brano di oggi, è uno dei singoli più caratteristici della storia del rock. Parliamo di Back In Black degli AC/DC uscito nel 1981 nell’album a cui da il nome, Back In Black. Il disco era uscito in un momento veramente difficile per la band dato che era appena morto per suicidio il loro cantante, e sicuramente uno dei membri più caratteristici della band australiana Bon Scott. Il brano è per l’appunto un tributo al loro ex cantante con il testo che tra l’altro era stato scritto dal suo sostituto Brian Johnson. Il brano è diventato storico tanto da ricevere numerosi premi ed è entrata in molte delle classifiche che raccolgono le canzoni migliori di tutti i tempi.
https://youtu.be/pAgnJDJN4VA
Ci sono band che pur restando lontane dai riflettori e dal successo riescono ad influenzare molto la musica del loro tempo. È questo il caso degli Yo La Tengo, il brano è Autumn Sweater uscito nel 1997 nell’album I Can Hear the Heart Beating as One. Giusto per riprendere la mia prima frase i Radiohead citano questa band come una dello loro maggiori ispirazioni per quanto riguarda gli album da Kid A in poi. Il testo parla dell’incontro con un’ex amante e di come il protagonista si senta nudo di fronte a questo avvenimento.
https://youtu.be/vtOfYeJFq0k
Sono in molti i cantanti delle band, soprattutto inglesi, che ad un certo punto hanno deciso di intraprendere la carriera da solista. Uno di questi è Richard Ashcroft, cantante dei Verve, che nel 2000 fa uscire You On MY Mind On My Sleep nell’album Alone With Everybody. A mio parere personale ha realizzato musica migliore in solo e questa canzone ne è un esempio. Il testo parla di una persona che ha un’epifania sui sentimenti che prova verso la sua ragazza, racconta del momento in cui capisce di essere innamorato. Il tutto su una base britpop/ballad tra le più riuscite del genere. 

https://youtu.be/pm79HAxVoJs
Come già si capisce dall’anteprima del video questo brano è stato utilizzato come colonna sonora in uno dei film fantasy migliori di sempre: Il Signore degli Anelli, più precisamente nel primo, La Compagnia dell’Anello. Si tratta di May It Be di Enya, uscito nel 2001 realizzato appositamente per il film. May it Be è un brano New Age che prende molta ispirazione anche dalla musica popolare nord-europea in modo da inserirsi alla perfezione nel film. Il testo parla di come ogni giorno sia un nuovo inizio, e di come sia necessario lasciare nel passato la parte più scura dei giorni precedenti.
https://youtu.be/i7MLT4MmAK8
Sono ormai passati un po’ di anni da quando è uscita questa canzone che credo la maggior parte del canale ha avuto modo di canticchiare almeno una volta nella sua vita. Parliamo di We Are Never Ever Getting Back Together di Taylor Swift uscita nel 2012 nell’album Red. Taylor Swift è famosa per fare una canzone per ogni fidanzato con cui si lascia e anche in questo caso non ci delude. In questo caso la relazione era tutto un prendersi e mollarsi, il testo racconta di quando lei ha deciso di chiudere totalmente e guardare avanti.
https://youtu.be/WA4iX5D9Z64
Parte del processo creativo di un artista è sicuramente l’evoluzione, uno dei membri del gruppo di cui parliamo oggi è molto cambiato fino quasi a snaturarsi. Parliamo degli Articolo 31, il brano è La Mia Ragazza Mena uscito nel 2003 nell’album Italiano Medio. La base rock è molto lontana da quello che vediamo fare in questi giorno a Jax, purtroppo. Il testo del brano è dedicato ad una ragazza e va al di fuori dei canoni con cui sono dipinte spesso le ragazze nella musica. Si tratta di una donna forte e alternativa che non vuole solo essere oggetto della relazione ma anche soggetto.
https://youtu.be/q8Dg6ktGYtw
Non ci discostiamo molto dagli argomenti di ieri con un gruppo indie italiano che ha appena rilasciato un grandissimo album. Loro sono i Tre Allegri Ragazzi Morti, il brano è A.A.A. Cercasi uscito nel 2019 nell’album il Sindacato dei Sogni. Si tratta di un ritratto ironico di una donna libera e autodeterminata. Si capisce fin dall’inizio il mood della canzone grazie anche all’armonica suonata da Matt Bordin che ci catapulta nel rock tipico dell’east coast. Questa canzone è anche una grande citazione ad un loro album precedente, probabilmente il loro più famoso: La Seconda Rivoluzione Sessuale.
https://youtu.be/Z2V4Fk2Iwxs
Avete presente quando vi viene in mente l’idea migliore al mondo, in grado di svoltare la vostra vita, e poi ve la dimenticate? Questo è quello che è successo ai Tenacious D, band guidata dal celebre Jack Black, il brano è Tribute uscito nel 2001 nell’album Tenacious D. Il brano darà poi il là ad uno dei film musicali, secondo me, tra i migliori di sempre: “Tenacious D e il plettro del destino” uscito nel 2006. Si tratta anche della prima canzone mai suonata live dalla band. Il testo racconta di come il gruppo abbia sconfitto il diavolo in una battaglia di musica suonando la migliore canzone di sempre e di come poi se la siano dimenticata. Tribute è quindi un tributo a quella canzone.
https://youtu.be/_lK4cX5xGiQ
Leggendo il cognome sicuramente penserete al padre piuttosto che a lui. Si tratta di Damian Marley, il più piccolo di una lunga serie di figli di Bob Marley, il brano è Welcome To Jamrock uscito nel 2005 nell’album Welcome To Jamrock. Il brano, e l’album più in generale, sono una grande dedica al paese di provenienza del cantante: la Giamaica. Damian vuole mostrarci il lato meno conosciuto del suo paese, ovvero quello che non fa notizia ma che vive un cittadino nella sua normale vita quotidiana. In particolare racconta della povertà dilagante e di quello che fanno i politici corrotti dal denaro.
https://youtu.be/_GZlJGERbvE
Parliamo di una band che ha svoltato la storia della musica facendo uscire quello che, a mio parere, è uno degli album più influenti degli anni 80. Loro sono i New Order, gruppo nato dalle ceneri dei Joy Division, il brano è Age Of Consent uscito nel 1983 nell’album Power, Corruption & Lies. La canzone è una delle più pop della band, sulla linea di basso, cardine principale del brano, si ergono muri di tastiere e la chitarra. Il testo parla di un ragazzo che è stanco e vuole terminare la propria relazione, ma né lui né la sua ragazza sono pronti per farla finita.
https://youtu.be/8ahU-x-4Gxw
Parliamo oggi di una band che quando era uscito il loro album di debutto ha fatto veramente un successo notevole, ora invece sono un po’ spariti. Loro sono i The Lumineers, il brano è Submarines uscito nel 2013 nell’album The Lumineers, comunque uno degli album pop/folk tra i più ascoltati di questa decade. Il testo parla di come quando si affrontano e/o vedono grossi problemi nella propria vita spesso, almeno inizialmente, sia difficile trovare qualcuno con cui parlare perchè la gente non crede realmente a ciò che stiamo raccontando. I sottomarini nominati nel titolo sono quindi la metafora di questi problemi.
https://youtu.be/pgkusNV0GLg
Buona Domenica a tutti! La canzone di cui parliamo oggi fa parte, a mio parere, di uno degli album migliori di sempre. Si tratta di Give Life Back to Music ed è il brano di apertura di Random Access Memory dei Daft Punk, uscito nel 2014. Si tratta di un piccolo manifesto di quello che poi sarebbe stato l’album, soprattutto per quanto riguarda i riferimenti alla disco anni ottanta. L’idea del duo francese è quella di riportare quelle sensazioni tipiche dei dancefloor diventati famosi grazie alla febbre del sabato sera, sia con la musica che con il testo della canzone.
https://youtu.be/IluRBvnYMoY
Nel nostro paese tra la fine degli anni novanta e l’inizio del duemila abbiamo avuto un sacco di band che facevano rock/alternative molto valide. Oggi parliamo dei Marlene Kuntz, il brano è La Canzone che Scrivo per Te, realizzata insieme a Skin, la cantante degli Skunk Anansie, uscita nel 2000 nell’album Che Cosa Vedi. Dal testo è abbastanza semplice capire che si tratta di una canzone d’amore. La dichiarazione però non è solo rivolta ad un’ideale donna ma anche alla musica stessa.
https://youtu.be/DMrYez93pEQ