Avvocato Vercellotti
3.48K subscribers
1 video
286 links
Unico Avvocato del Digitale®️ d’Italia

In questo canale troverai aggiornamenti legali relativi al mondo del Digitale come Gdpr, Copyright, Contest, Digital Contracts e gestione legale della Brand Reputation

Per una consulenza: studio@legalfordigital.it
Download Telegram
to view and join the conversation
🎯 FAI PODCAST?
Tag
: #copyright

Il copyright podcast non riguarda solo la musica, ma anche lo stesso contenuto che viene "parlato" attraverso questo mezzo di diffusione.

Ci si domanda infatti se iI podcast abbia i requisiti per essere protetto dal diritto d'autore. Se la risposta è affermativa, come si tutela il copyright del podcaster?

Inoltre il diritto d'autore non è l'unica normativa da prendere in considerazione per avere un podcast a norma di legge.

Sei un podcaster?

👉 Leggi l’articolo su come fare un podcast a norma di legge!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 ETICA SU TUTTI I FRONTI
Tag
: #legalstrategy

Se spari un prezzo assurdo e poi lo abbassi in maniera sproporzionata di fronte alla non accettazione da parte del prospect, non ti lamentare se il potenziale cliente non si fida più.

Se lodi il professionista per ottenere uno sconto così alto al punto da umiliare la sua professione, non ti lamentare se il professionista non ti vuole neppure se paghi il prezzo pieno.

PRIMO CASO

Un cliente al termine della consulenza per il lancio di un business molto interessante, mi fa una confidenza:

Prima di arrivare al nostro studio legale si era rivolto ad un nostro collega per avere un preventivo.

Il prezzo era molto alto, quindi il nostro cliente ha rifiutato la proposta dicendo che era fuori budget. Lo studio legale ha chiesto quale fosse il budget a disposizione del cliente, che gli ha detto la sua cifra, e corrispondeva a meno della metà di quella chiesta dallo studio legale. Il cliente quindi non voleva dare lui un valore al servizio, semplicemente diceva quanto lui avesse a disposizione.

Pochi giorni dopo il collega dice di accettare la cifra che il cliente può spendere.

Come mai il cliente poi è venuto da me?

Ha fatto un ragionamento molto semplice:

I casi sono 2:

1️⃣ o lo studio legale ha sparato una cifra sproporzionata rispetto al valore reale del servizio

2️⃣ oppure lo studio legale è talmente in deficit di clienti, che accetta qualsiasi cosa

➡️ Morale: la fiducia comunque è persa.

SECONDO CASO

Un prospect contatta il nostro studio dicendo che ha una forte stima nei miei confronti.
Ha avviato un business di cui è estremamente orgoglioso e vuole assolutamente me per la parte legale.

Fin qui tutto bene. Peccato che nel dire questo pone l’accento sulle migliaia di euro che ha speso per questo fantastico progetto, quindi lui per avere la mia assistenza è disposto a spendere una cifra che non si offre neppure ad un legale praticante.

Quindi secondo lui la mia competenza vale quella cifra, e forse, dovrei dirgli grazie per rendermi partecipe del suo progetto favoloso?

Per quanto sia vero che il progetto è interessante, per quanto il nome di chi lo ha creato sia conosciuto, non è certo questo il modo di approcciarsi. Puoi dirmi che avendo avviato una start-up hai avuto molte spese, quindi mi chiedi di venirti incontro. Ma devi rispettare me e la mia professione.

➡️ Non è il denaro in sé il problema. Il fatto che denaro offerto o chiesto corrisponde ad un valore che si dà ad un servizio e ad una persona. Se chiedi troppo, prendi in giro. Se valuti poco, umili il professionista.

👉 Qualsiasi sia il tuo ruolo, avvocato, professionista che offre servizi, imprenditore dai ed esigi dagli altri rispetto

😉 @avvocatovercellotti
📚 PRIMA FORMAZIONE LIVE DELL’ACADEMY
Tag:
#lfdacademy

🥳 Finalmente si è tenuta la prima live formativa per i membri della #LFDacademy!

Non ho mai fatto un evento online con tanti partecipanti.

L’entusiasmo da parte vostra è stato commovente. Sentiamo una grande responsabilità nei vostri confronti che dedicate ore alla formazione con noi.

E sappiamo quanto sia prezioso il tempo per un professionista del web.

🤓 Il tema affrontato è uno dei più caldi: il contratto.

Questo argomento non si esaurisce mai!

Ancora una volta grazie di esserci!

E per te che non ci sei:

👉 iscriviti alla lista di attesa!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 STAI PENSANDO DI APRIRE UN MARKETPLACE?
Tag:
#ecommerce

Oggi i marketplace non sono solo Amazon, Ebay o Etzy: anche piccoli imprenditori possono decidere di aprire il proprio business marketplace.

Sono sempre più numerosi gli imprenditori che aprono un marketplace specializzato su una nicchia di mercato: prodotti bio, siti web aggregatori di servizi locali sono solo alcuni esempi. In tutti i casi la vendita al consumatore si conclude all'interno dello spazio virtuale, quindi siamo nell'ambito della materia del commercio elettronico.

Il marketplace è molto attrattivo per gli utenti perché con pochi click possono mettere a confronto molteplici brand per un unico prodotto.

📌 Come si gestiscono i rapporti tra venditore, titolare del marketplace e acquirenti?

👉 Leggi l’articolo del blog per saperne di più!


😉 @avvocatovercellotti
🎯COSA VUOL DIRE SCALARE?
Tag
: #strategy

Aumentare il fatturato?

Aumentare il guadagno?

Apparentemente sì, ma nella realtà no.

Scalare significa investire.

Se il primo anno, il secondo, poi il terzo, il business rimane stabile nonostante la comunicazione, le recensioni dei clienti, il passaparola, allora qualcosa non va: stabilità significa retrocessione.

O sei tu che non puoi aumentare il numero di clienti o la qualità dei tuoi servizi perché non investi nelle risorse e nell’ottimizzazione del processo lavorativo?

➡️ Se non puoi delegare tutti quei processi meramente esecutivi tu non cresci.

➡️ Se non riduci i tempi di esecuzione dei lavori investendo nei tool che ti permettono di automatizzare, tu non cresci.

Oggi non crescere significa cadere, non ci si può permettere di rimanere semplicemente stabili perché significa diventare obsoleti.

Investire in risorse può comportare inizialmente una rimessa economica, ma il tempo che rimarrà per te lo investirai per far crescere il brand:

👨🏻‍💻 comunicazione strategica

👨🏻‍💻 formazione

👨🏻‍💻 consolidamento della community

Sono tutti fattori che in un business online portano alla crescita di competenze e di contatti lead.

Anche uno studio legale è un business scalabile:

➡️ investimento in risorse amministrative skillate

➡️ investimento in una seconda linea internet, fondamentale se si lavora online

➡️ oltre 3000 € spesi da inizio anno in formazione

➡️ nuovi crm, software automatizzati per appuntamenti, sistemi che ci permettono di gestire il lavoro di squadra

Queste non sono regole auree. Io per primo sono un neofita dell’imprenditoria. Il mio business è partito appena 3 anni fa.

Ma se prima eravamo in 2, oggi siamo in 7 e aspiriamo a trovare la risorsa numero 8 adatta al nostro studio.


😉 @avvocatovercellotti
🎯DIRITTO ALL’OBLIO
Tag
: #gdpr

Il diritto all'oblio è un'espressione del diritto alla privacy.

Se anni fa la reputazione poteva essere lesa dai giornali che al limite entro pochi giorni finivano nella spazzatura, e le notizie si diffondevano comunque in zone circoscritte, oggi ci si trova nella situazione opposta:

le notizie si diffondono in pochi attimi

potenzialmente in tutto il mondo

sono di dominio pubblico

dal web non escono più.

L'importanza del diritto all'oblio va di pari passo con la rilevanza della web reputation.

Con la nascita del web e dei social network si può dire che ognuno di noi ha una vera e propria identità digitale.

Il gdpr è intervenuto a regolamentare il diritto all’oblio rafforzandolo.

Ma questo diritto è davvero effettivo?

👉 Se ti interessa la tua web reputation corri a leggere l’articolo sul blog!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 CONTRATTO SVILUPPO E-COMMERCE
Tag: #contratti


Un’azienda si è affidata ad una web agency per farsi progettare il sito e-commerce con contratto in abbonamento: 500 € al mese x 24 mesi.

L’agenzia però sta lavorando male: è molto lenta nell’eseguire i lavori, ogni modifica richiede 10-15 giorni per essere fatta.

In sostanza dopo 4 mesi siamo ancora alla fase embrionale di mockup.

Il cliente si informa in giro sull’agenzia e capisce che non ha buone recensioni: il suo modus operandi è proprio quello di perdere tempo...

Il cliente vuole quindi rescindere dal contratto, rendendosi conto che quella dell’agenzia è una strategia per allungare illegittimamente i tempi di sviluppo del sito.

Ecco che si rivolge al nostro studio legale.

Ma se l’agenzia è in torto il mio potenziale cliente lo è ancora di più.

Nella call conoscitiva porta delle motivazioni che non sostengono la sua causa:

🔺 si lamenta che le clausole dell’agenzia sono troppo stringenti e il Codice del Consumo non viene rispettato

🔺 lamenta che il contratto è annullabile perché manca l’opzione del diritto di recesso

Peccato che:

tu hai firmato con l’agenzia come B2B (business to business), quindi parli di Codice del Consumo e diritto di recesso che si applicano solo nel B2C (business to consumer).

Se il nostro studio legale avesse voluto avrebbe accettato di prendere in carico la faccenda di questo potenziale cliente: un avvocato non prende un cliente solo quando è sicuro di vincere la controversia.

Ma preferiamo che questo soggetto risparmi questi soldi e questa storia gli serva da lezione.

➡️ Se il contratto che ti propone l’agenzia non ti convince, chiedi la consulenza legale prima di firmarlo e non dopo mesi che lo hai accettato

➡️ Le clausole contrattuali di norma possono essere “contrattate”. Se l’agenzia ti dice prendere o lasciare, cambi semplicemente agenzia.

👉 La tutela preventiva ti costa 7 volte meno della tutela successiva

😉 @avvocatovercellotti
📚 NUOVA FORMAZIONE LIVE DELLA #LFDACADEMY
Tag: #lfdacademy

Argomento GDPR:

1️⃣ Cos'è il GDPR e perché ci interessa

2️⃣ il consenso:

• perché tutti sbagliano?

• gli elementi essenziali

• la revocabilità

• online e offline

• consenso tacito? Non esiste

3️⃣ Profilazione legale=monetizzazione

Quante volte ne avrò parlato in termini accessibili e portando i miei valori?

Eppure anche ieri eravate carichissimi, entusiasti e pieni di domande!

Da questo capisco 2 cose:

✔️ non se ne parla mai abbastanza

✔️ siete una community che mi rende davvero orgoglioso

Percepire l’entusiasmo quando si parla di legge, è uno dei traguardi che non ha prezzo.
E visto che ieri parlavamo di profilazione, ecco cos’è una profilazione fatta bene: siete voi.

E il bello è che questa profilazione non arriva da campagne di advertising, ma da una comunicazione costante e uniforme.

Sono monotono se dico ancora che mi rendete davvero felice?

Faremo di tutto affinché questa academy sia e resti all’altezza delle vostre aspettative!
👉 Al prossimo appuntamento di luglio!
E per te che non ci sei:
👉 iscriviti alla lista di attesa!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 TI OCCUPI DI COACHING?
Tag:
#contratti

La tua professione è molto delicata.

È fondamentale chiarire ai tuoi clienti qual è il tuo ruolo: non sei un consulente, né un medico.

Altrettanto importante per il successo della collaborazione coach-coachee è il rapporto di fiducia, la condivisione di valori.

Non ultimo il cliente deve avere un ruolo proattivo durante il percorso.

Se tutti questi aspetti non sono chiari finisce che il professionista non riceve il compenso che gli spetta.

Come prevenire?

Con un contratto redatto da chi conosce veramente bene le criticità di questo lavoro.

➡️ Oggi sul blog dello studio parliamo del contratto di coaching su misura per te!

Leggi l’articolo!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 ADS DI OGNI TIPO
Tag
: #strategy

I primi tempi in cui ho scritto contratti per advertiser si parlava quasi sempre di Facebook e Instagram per i social, e di Google Ads.

Conoscevo questi canali come utente, ma scoprirli con l’occhio del marketer grazie ai miei clienti è tutta un’altra cosa!

Grazie ai clienti sono stato fra i primi a scoprire le evoluzioni delle ads. Da facebook siamo passati a Linkedin. Da Google a Bing.

L’agenzia che mi ha chiesto di contrattualizzare le Bing Ads mi ha spiegato che sono ottime per un certo tipo di target:

✔️ utenti poco digitalizzati

✔️ che utilizzano Windows

✔️ fanno ricerca vocale con Cortana che appunto dirotta su Bing.

Ora se non fossi stato amante del marketing quanto lo sono dell’avvocatura, non farei domande al di là del minimo indispensabile per redigere un contratto ad hoc.

Invece mi piace imparare anche da voi. Il marketing rimane la mia passione.

Scrivere contratti mi permette di imparare, e di stare al passo con i tempi.

È di meno di un anno fa il mio primo contratto per le Tik Tok Ads e mi sembrava una rivoluzione!

Invece è di circa 3 mesi fa il primo contratto di advertising su piattaforma di podcasting: Spreaker e Spotify.

Forse è stato il primo contratto in tutta Italia e l’ho redatto io! Vuol dire avere la massima fiducia su una materia in cui non c'è uno storico a cui ispirarsi.
Non posso che ringraziare il lavoro che ho scelto e i clienti che mi scelgono perché mentre lavoro rimango al passo con un mondo che è un’evoluzione continua e che mi appassiona.

E come si sa per ogni lavoro se ci metti passione viene meglio.

😉 @avvocatovercellotti
🎯 VENDI VINO?
Tag
: #ecommerce

La vendita vini online è una moda sempre più diffusa, che, neanche a dirlo, ha conosciuto un vero boom con la pandemia.

Ma il vino è un prodotto particolare e anche la disciplina dell’e-commerce è specifica:

1️⃣ è obbligatorio inserire il diritto di recesso?

2️⃣ come si gestisce il divieto di vendita ai minori?

3️⃣ l’advertising può essere fatto senza limiti?

➡️ A tutte queste domande rispondiamo sul blog dello studio.

👉 Se hai un ecommerce di vino o hai clienti con un ecommerce di vino, leggi l’articolo!


😉 @avvocatovercellotti
🎯 AFFILIATE: SEO O ADS COSA CAMBIA
Tag
: #legalstrategy

Spesso vi trasmetto il fatto che dalle consulenze ottengo due vantaggi: o imparo anche da voi, o rifletto sulle implicazioni legali e non del vostro lavoro.

Recentemente ho fatto una consulenza sull’affiliazione, da cui traggo due riflessioni:

1️⃣ L’affiliate marketing viene fatto con 2 strumenti principali:

Seo: post tematici che contengono il link al prodotto

Facebook Ads.

Tra le due tipologie di marketing c’è una sostanziale differenza: per le Fb Ads, come tutto l’advertising, quando interrompi la campagna, la promo “sparisce” dal web.

Un articolo su un blog, a maggior ragione se ottimizzato SEO, quindi ben posizionato in SERP, difficilmente ne blocchi le visualizzazioni immediatamente, nel momento in cui interrompi la collaborazione con il merchant.

Infatti la deindicizzazione di una pagina web non è così veloce, quindi il merchant può continuare a godere dei benefici del marketing organico fatto dal publisher, pur togliendo il link. Magari quella pagina non converte direttamente perché manca il link diretto al prodotto, ma fa awareness.

Questo ha implicazioni legali?
Assolutamente no.

Ma mica ho detto che io mi occupo solo di legge 😉

➡️ Un buon avvocato per far bene il suo mestiere deve conoscere la materia che tratta non solo dal punto di vista legale!

2️⃣ La seconda riflessione invece è un po' più legale:

Che contratto firmi tu, publisher, con i network di affiliazione?

A volte i termini e condizioni dei network di affiliazione prevedono che tu ti assuma le responsabilità non solo per i contenuti che crei per promuovere i prodotti del merchant, ma anche per la qualità dei prodotti stessi.

Es.: promuovi un prodotto che fa ricrescere i capelli, ma poi i risultati che garantisce in realtà non ci sono.

Se tu però inserisci nella caption della promozione questo beneficio, inserendo né più né meno ciò che è scritto sui benefici della scheda prodotto, te ne assumi la responsabilità.

Quindi, i tuoi obblighi vanno oltre quelli di dover rispettare le normative relative al diritto pubblicitario, ma si spingono a coincidere con gli obblighi del venditore del prodotto.

È legale questa clausola?

Dal momento in cui l’accetti sì, perché non c’è alcuna legge che la vieta!

Quindi occhio a cosa firmi!

Ne abbiamo parlato anche sul blog dello studio:
"TUTTO SU L’AFFILIAZIONE"

👉 Ti ho dato qualche perla in più per il tuo business?

😉 @avvocatovercellotti
🎯 SE TE LI SEI PERSI...LUGLIO
Tag
: #avvocatodeldigitale

Eccoci alla rubrica

📌 “archivio dell’#avvocatodeldigitale

Ancora tanti contenuti a vostra disposizione:

1️⃣ I PDF da scaricare

✔️ SI FA PRESTO A DIRE LANDING PAGE

✔️ TI INSEGNO A VALUTARE L’ESPERTO PRIVACY

✔️ IMMAGINI PER LOGO

✔️ DOVE POSSO METTERE LE RECENSIONI?

2️⃣ Se non fai parte ancora della community che riceve la newsletter

✔️ Vai a questo link:

https://legalfordigital.kartra.com/page/iscrizione-newsletter

3️⃣ I post che possono interessare anche te:

✔️ E-COMMERCE A 500 €

✔️ LA NUOVA SPECIE ANIMALE...

✔️ 497

4️⃣ è nata la Legal for Digital Academy!!

😞 ma siamo al completo...

🤗 Però ti puoi iscrivere alla lista di attesa da qua!

https://legal-for-digital.mykajabi.com/Candidature

5️⃣ Dove puoi trovarmi finalmente dal vivo?

AL WEB MARKETING FESTIVAL:

🗓 17 luglio sala “Leggi e Fisco”

Era andato perso qualcosa?

😉 @avvocatovercellotti
Avvocato Vercellotti pinned «🎯 SE TE LI SEI PERSI...LUGLIO Tag: #avvocatodeldigitale Eccoci alla rubrica 📌 “archivio dell’#avvocatodeldigitale” Ancora tanti contenuti a vostra disposizione: 1️⃣ I PDF da scaricare ✔️ SI FA PRESTO A DIRE LANDING PAGE ✔️ TI INSEGNO A VALUTARE…»
🎯 TERZO WEBINAR
Tag:
#LFDACADEMY

Era il primo luglio, era caldo, la tentazione dell’ape(ritivo) è sempre maggiore e invece...

Anche la scorsa settimana aravate ancora lì: al terzo evento live di #LfDAcademy!

Presenti, attenti e pieni di domande come sempre.

E solo voi sapete chi sarà il primo #ospite di #LfDAcademy.

🤐 a chi c’era 🤫

👉 Se ti vuoi iscrivere alla lista di attesa per entrare nella prima Academy legale per i professionisti del web clicca sul link!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 MARCHIO COLLETTIVO, È QUELLO CHE SERVE A TE?
TAG
: #marchi

Quando si parla di marchio in maniera generica, normalmente ci riferiamo al marchio individuale, cioè quello che identifica un brand o prodotti specifici di un brand.

Quando si parla di marchio collettivo il brand passa in secondo piano, e ciò che ciò che conta sono le caratteristiche del prodotto, come la composizione e la provenienza.

Marchio individuale e marchio collettivo adempiono quindi a funzioni diverse.

Scopri come nascono i marchi “Pura Lana Vergine”, “Vero Cuio”, “Vetro di Murano”.

👉 Leggi l’articolo sul blog!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 LEAD GENERATION MEDICI
Tag
: #legalstrategy

Quando inizi una consulenza e il cliente rimane interdetto.

Il nostro studio viene contattato da una web agency per avere una consulenza in merito ad una strategia di marketing per fare lead generation per medici.

Il caso è particolare perché i dati sanitari trattati sono dati particolari, meglio conosciuti come dati sensibili, per il cui trattamento il GPDR è molto severo:

I dati particolari possono essere trattati solo da soggetti specifici e per ragioni ben definite dalla normativa sulla privacy. Quindi non basta acquisire il consenso per finalità di marketing per essere autorizzati al trattamento.

Fatta questa opportuna premessa, torniamo al caso specifico.

Io con la scioltezza che mi caratterizza, visto che mastico queste tematiche ogni giorno, accenno già alle soluzioni possibili:

• come devono essere impostati i form contatti

• cosa può o non può prevedere il copy

• necessarie modifiche da fare sul sito in previsione della necessaria conservazione dei dati

• come definire la cessione dei dati dall’agency ai dentisti: contratto offline o altro metodo.

Insomma propongo soluzioni e non manifesto segni di insicurezza in ciò che dico.

🙄 Tuttavia essendo la consulenza su Zoom, mi accorgo che i miei interlocutori cambiano faccia: sembrano spaesati, e man mano che parlo la situazione si aggrava.

Sono quindi costretto a fermarmi e chiedere se c’è qualcosa che non va

I titolari dell’agenzia mi dicono che sono rimasti stupiti del fatto che ho detto loro non solo che il loro progetto di lead generation per medici si può fare, ma sono andato oltre, fornendo la soluzione e indicando il progetto.

Perché sono così sorpresi?

😳 Perché prima del nostro studio legale avevano fatto una consulenza con una collega che è specializzata sulle stesse materie.

Con lei avevano già fatto 2 consulenze solo per capire se il progetto fosse attuabile, e ad oggi ancora non avevano avuto una risposta chiara.


Qual è stata la mia reazione?

😎 Ho semplicemente puntualizzato che il nostro studio legale si occupa solo di web marketing. Ho detto la verità: un progetto come questo non lo avevamo mai seguito, ma strategie di marketing che prevedono la lead generation con trattamento di dati particolari, ne abbiamo già affrontati a decine.

La legge non sempre dà risposte chiare e univoche su certe tematiche, soprattutto in tema di web marketing dove ogni giorno nasce uno strumento nuovo.

Ma la differenza tra chi ha le mani in pasta tutti i giorni e chi invece ne parla solo a livello teorico sta proprio qui:

➡️ chi fa pratica ed esperienza tutti i giorni con i marketer la soluzione legale la conosce.

Chi invece la legge non la mette in pratica ma ne parla solo sui libri, si trova spaesato di fronte ai casi concreti.

La legge nel web marketing va affrontata con un approccio diverso da quello tradizionale, perché il web va molto più veloce dell’adeguamento legislativo.

👉 Conoscere la legge è necessario ma non sufficiente per lavorare con il web marketing.


😉 @avvocatovercellotti
🎯 COME SI SCRIVE IL REGOLAMENTO PER IL CONCORSO A PREMI?
Tag
: #contest

La normativa concorsi a premi prevede il regolamento solo per i contest per cui è obbligatoria l'autorizzazione del MISE.

Ma è consigliabile redigere il regolamento anche per i concorsi esclusi dalla normativa, per evitare contestazioni da parte dei partecipanti e dei vincitori.

• Quali sono i contenuti minimi necessari del regolamento?

• Quali clausole inserire per tutelare l’impresa organizzatrice?

• Come gestire il GDPR?

Ne parliamo oggi sul blog dello studio.

👉 Leggi l’articolo sul sito di Legal for Digital!

😉 @avvocatovercellotti
🎯 LA PENALE NON è UN OBBLIGO, MA SE NON C’È...
TAG
: #legalstrategy

Quando vai a definire un patto di non concorrenza, o un NDA vieti di fare qualcosa, impedisci un’azione che normalmente sarebbe concessa.

Ecco che uno degli elementi che più importanti di questo tipo di accordi è la penale.

La penale non è un elemento obbligatorio per la validità del contratto, tant’è che vedo numerosi contratti che prevedono obblighi o divieti senza prevedere una penale in caso di violazione.

Secondo me questo è un grave errore:

È vero che è più facile far firmare un accordo che non prevede la penale, ma è altrettanto vero che in caso di violazione diventa difficile poi quantificare il danno subito.

Non inserire la penale comporta di dover adempiere a 2 attività in più:

🔸 bisogna dimostrare di aver subito un danno per la violazione

🔸 bisogna quantificare il danno e dimostrare perché chiediamo quella cifra

La penale mi evita entrambe le attività: è dovuta per la sola violazione del patto. Non importa se la violazione ha comportato un danno, né tanto meno importa sapere a quanto ammonta il danno.

La penale permette di risparmiare tempo:

Stabilisco prima la cifra MINIMA dovuta per la lesione. E aggiungerò la dicitura “salvo maggior danno”.

Ma ricordiamoci questo:

➡️ La penale è l’unica cifra economica che non vogliamo incassare

Come si determina la penale?

Ci sono moltissime possibilità che approfondiremo in altro post.

L’importante è che quando quantifichiamo una cifra secca, pensiamo al danno reale che si può subire in caso di violazione dell’accordo: spesso c’è di mezzo la brand reputation.

Altro parametro da considerare è l’efficacia deterrente della sanzione. Quindi dobbiamo calcolare una cifra che faccia desistere dalla violazione. Che faccia dire alla controparte “non ne vale la pena”.

🔴 La cifra della penale sarà inevitabilmente allettante per il nostro brand, ma non la desideriamo così tanto da sperare che il patto venga violato.

Altrimenti è il patto stesso che non è stato stipulato per la giusta ragione.

😉 @avvocatovercellotti
🎯 DATI E UTENTI AL CENTRO
Tag
: #gdpr

Le aziende non fanno altro che promuovere la loro capacità di mettere l’utente al centro.

La UX è fondamentale, e grazie alla cura per il cliente si fidelizza.

Ma mettere il cliente al centro non significa solo

1️⃣ buon customer care

2️⃣ buona customer experience grazie ad un funnel di vendita lineare e chiaro

3️⃣ comunicazione che risponde alle esigenze del cliente

Tutto bello, tutto ovattato finché non si casca sulla profilazione.

Spesso quando analizzo le aziende per metterle a norma di gdpr, chiedo a chi appartengono le mail che hanno.

E trovo:

1️⃣ un’unica lista mail dove è presente chiunque

2️⃣ nessuna conoscenza delle buyer personas

3️⃣ scarsa conoscenza dei clienti

4️⃣ invio di una newsletter unica uguale per tutti.

In questo modo si perdono opportunità:

non si mandano e-mail di soft spam ai clienti acquisiti per fare up-selling e cross-selling

si perde di vista chi ha acquistato rispetto a chi ha aggiunto al carrello, perdendo l’opportunità di chiedere le recensioni

non si danno incentivi per acquisire informazioni per profilare, come buoni sconto, lead magnet, prodotti in anteprima.

Spesso ci si spaventa di quanto occorre spendere in ads per fare una profilazione delle buyer personas, quando invece c’è in casa un tesoro inutilizzato.

Ovviamente il presupposto qual è?

➡️ Acquisire i contatti a norma di gdpr

😉 @avvocatovercellotti